Giuseppe Giaquinto

Quanto tempo dedicherai agli aggiornamenti dei contenuti?

Produrre contenuti nuovi e accattivanti non è semplice, non basta pubblicare qualcosa di tanto in tanto per fidelizzare il lettori e convertirli in potenziali clienti.
Contenuti di qualità attraggono nuovi visitatori e portano traffico al tuo sito e ai tuoi canali social.

Produrre con regolarità contenuti di qualità è una regola aurea per avere successo online.

Gli utenti amano i contenuti di valore. Quelli che hanno qualcosa in più. Quelli che attirano l’attenzione e stimolano la curiosità, a differenza di tanti contenuti standard, talvolta noiosissimi, che puoi trovare facilmente in rete.

Contenuti di valore portano condivisioni, traffico, potenziali contatti.
Ma produrli non è la cosa più semplice del mondo, perché è richiesta una discreta competenza e soprattutto richiede tempo.

Quanto ne dedicherai?

Magari non tu direttamente, ma qualcuno della tua azienda dovrà prendersi l’incarico di produrre contenuti nuovi, per aggiornare il tuo sito e i tuoi canali social.

Le aziende più strutturate, anche quelle piccole, stanno dedicando sempre più spesso una o più persone a questo compito. Quelle che invece si affacciano online da poco tempo, faticano a capire l’importanza di questo aspetto.

Io dedico diverse ore a settimana ad aggiornare questo sito. Mi rendo conto che per me è un po’ più semplice, visto che sono del settore e non dovrei avere alcuna difficoltà, anche se in realtà non è tutto rose e fiori.

Non esiste una regola universale valida per tutti i settori. Per alcuni settori potrebbe essere sufficiente pubblicare pochi aggiornamenti al mese; per altri, invece, la cadenza potrebbe essere quotidiana.

Prendiamo l’esempio di un mio cliente che monta apparecchiature industriali complesse. Gli aggiornamenti di contenuti potrebbero riguardare le nuove installazioni,  i problemi affrontati e risolti, le storie di successo.

È evidente che non sarà possibile avere un’alta frequenza di aggiornamento, considerando che impianti del genere non vengono installati tutti i giorni e che un ciclo di lavorazione  può durare anche più di  un mese.

Diverso è invece il caso di un sito e-commerce per la vendita di abbigliamento per giovanissime. Chi gestisce il sito produce svariati post su Instagram e Facebook ogni giorno, oltre all’aggiornamento puntuale del catalogo articoli. In questo caso, la frequenza di aggiornamento è alta e non potrebbe essere diversamente.

Qualità, qualità, qualità

Testi, foto, immagini, video, podcast: va bene tutto, purché sia di qualità e purché sia utile per chi ne fruisce.

Non tutto ciò che pubblicherai avrà lo stesso livello di qualità, ma è importante cercare di mantenere uno standard elevato. Alla fine saranno gli utenti a premiare i tuoi contenuti, con maggiori visite e condivisioni per quelli che daranno un reale valore aggiunto.

“Intanto parto, poi si vedrà”

È l’atteggiamento di chi giustamente vuol vedere completato il progetto web. Peccato che il “poi si vedrà” si traduce di solito in un nulla di fatto. Ossia zero contenuti, zero aggiornamenti.

Siti web aggiornati l’ultima volta un paio di anni prima, quando va bene. Pagine facebook scarne e prive di qualsiasi segno di vita. E così via.

L’atteggiamento giusto è dedicare tempo a queste attività, scegliendo con precisione i giorni della settimana e gli orari in cui metterai tutto da parte per aggiornare e rinfrescare la tua comunicazione.

All’inizio non è facile. Scrivere per il web non è agevole come sembra. Produrre foto e video di qualità è altrettanto impegnativo. Non ti scoraggiare: trovi molte risorse in rete che potranno aiutarti. La dimestichezza e la competenza si possono acquisire.

La variabile che dipende da te è il tempo da dedicare. Quindi niente alibi o scuse: pianifica le attività personali o aziendali e dedica sufficiente tempo per la tua comunicazione.

Fidati, è tempo speso bene.

Aggiungi un commento